Calette e posti segreti lungo la costa!

C’è il Salento noto in tutto il mondo, quello del barocco e delle masserie, e poi c’è quel mare da favola dove si trovano riserve e aree protette con un ambiente sottomarino tra i più variegati.
La qualità della vita può migliorare anche senza intaccare il patrimonio naturale, ed è proprio questa la sensazione che si prova quando ci si trova su queste incredibili dune di spiaggia finissima, dal mare chiaro e cristallino di queste marine. Una tartaruga caretta caretta, depone le sue uova nelle sabbie di PORTO CESAREO dopo aver girato per 25 anni in tutto il Mediterraneo, ha scelto questa località balneare per far nascere i propri figli, lo stesso luogo dove anche essa è nata.
Per immamorarsi di GALLIPOLIserve solo dimenticarsi dell’essenza di città.
Proseguendo verso sud potrete incontrare:Punta della Suina costituita da due piccole baie sabbiose tra le più famose e trendy del Salento proprio di fronte a un isolotto detto Scoglio tondo che si distacca appena dalla costa accarezzata dal mare cristallino,qui la macchia mediterranea è impreziosita dal corbezzolo, dal mirto, dal lentisco. La grande pineta che si apre alle spalle della spiaggia e che in piena estate costituisce un fresco riparo per i bagnanti. A circa 2km la spiaggia di Punta Pizzo offre un paesaggio incontaminato.Collocate sulla costa Ionica a sud di Gallipoli, troverete le marine di Mancaversa, Torre Suda Capilungo e Posto Rosso, esplorando questo magnifico paesaggio respirerete la leggenda della marina di Ugento, Torre San Giovanni, dove nel 280 a.C. il re degli epiroti passò con la sua flotta lungo la costa ionica del Salento per raggiungere e prestare aiuto ai tarantini contro Roma, ma l’imbarcazione andò distrutta. Si tratta delle famose secche di Ugento che sono tutt’ora segnalate nelle carte nautiche per la loro bellezza.
Santa Maria di Leuca terra di pellegrinaggio e di scambio di culture differenti. Il vento porta profumi di piante aromatiche che si possono ammirare in tutto il litorale. Le splendide ville fanno da cornice a questa atmosfera, a questo luogo in cui Ionio e Adriatico si incontrano.